SPORT NEWS. L’EVOLUZIONE DEL NEWSMAKING SPORTIVO

2014-2015

Cos’è il giornalismo sportivo oggi? È il giornalismo che racconta in diretta l’evento agonistico oppure quello che ne offre il resoconto sul quotidiano? Il giornalismo che indaga i retroscenache precedono e seguono l’evento sportivo, o quello che si concentra sul “durante”? Il giornalismo che si focalizza sulla dimensione agonistica della notizia sportiva, oppure quello che esplora il “connesso con”? E parliamo del giornalismo che si occupa di calcio, “sport italico” per eccellenza, oppure di quel giornalismo che tratta i cosiddetti “altri sport”?

È a queste domande che si propone di rispondere la ricerca diretto e realizzata da Marica Spalletta in collaborazione con Lorenzo Ugolini. Attraverso un’analisi che muove dalla “mitologia” dei grandi narratori dello sport, la ricerca arriva a definire le coordinate entro cui si è sviluppato il coverage giornalistico di otto diverse discipline sportive (atletica, nuoto, motori, pallacanestro, scherma, ginnastica artistica, judo, golf) nell’arco temporale compreso tra le Olimpiadi di Sydney 2000 e i Giochi di Londra 2012 su tre differenti quotidiani italiani («La Gazzetta dello Sport», «Corriere della Sera», «la Repubblica»).

Dalla ricerca emerge come il giornalismo sportivo italiano attuale si configuri come un fenomeno in costante e precario equilibrio tra l’esigenza di preservare la propria identità e un mercato che sembra pretendere un’informazione sempre più mediatizzata e popolarizzata, in cui a farne le spese è, paradossalmente, l’essenza più pura e autentica di un racconto che nasce dal bisogno di portare lo spettatore sul campo di gara.

DIRETTORE SCIENTIFICO:

Marica Spalletta

DONOR:

Unione Cattolica Stampa Italiana