L’ALTRA METÀ DEL CALCIO

IL FOCUS GROUP AL TERMINE DEL PRIMO MODULO

Lunedì 27 maggio si è tenuta la settima lezione del corso di formazione per “Diversity Sport Manager”, appuntamento che ha segnato anche il termine del primo modulo del corso, dedicato alla dimensione generale della violenza e della discriminazione di genere.

Protagonisti della lezione sono stati gli stessi studenti, chiamati a esprimere un giudizio su questa prima parte del percorso formativo attraverso un focus group. Questa è stata sicuramente un'occasione preziosa per confrontarsi e raccogliere impressioni sulla struttura del corso e sugli argomenti affrontati.

I partecipanti si sono detti molto soddisfatti del percorso fatto fin'ora e hanno molto apprezzato la dimensione innovativa del corso, che pur non rinunciando alla giusta dose di “teoria”, presente nelle lezioni frontali che hanno aperto ogni giornata di formazione, ha valorizzato molto la dimensione esperienziale dei molteplici e diversi laboratori svolti (Empathy Lab, Design Thinking Workshop, Social Media Management, Videogiochi). In particolare i momenti laboratoriali sono stati valutati positivamente perchè hanno concesso agli studenti l'occasione non solo di confrontarsi sulle tematiche al centro della discussuione, ma anche di fare gruppo e legarsi a livello umano.

Commenti e valutazioni positive sono emersi anche sugli argomenti al centro del primo modulo che si focalizzato sui concetti di violenza e discriminazione di genere in molteplici e diversi ambiti, che in molti casi appartengono alla quotidianità dei partecipanti, e che verranno ulteriormente approfonditi nel corso delle lezioni successive.

Il secondo modulo, dedicato al racconto della violenza e della discriminazioni di genere attraverso i media, inizierà il prossimo 3 giugno con una lezione a cura di Lorenza Parisi, Professore Associato di Sociologia dei processi culturali e comunicativi alla Link Campus University, sul tema "Discriminazione di genere e violenza sui social network".

IL CORSO PER “DIVERSITY SPORT MANAGER”

Il percorso formativo per “Diversity Sport Manager”, nato dal progetto “L’Altra Metà del Calcio”, è pensato come programma integrato di sensibilizzazione, informazione e comunicazione sul tema della violenza e degli stereotipi di genere e si propone di coinvolgere in modo pro-attivo, originale e innovativo il settore del calcio dilettantistico giovanile e scolastico con la speranza di promuovere la parità di genere ed eliminare il maschilismo da questo settore.
Nello specifico il corso pone al centro dei suoi incontri le competenze fondamentali per il “Diversity Sport Manager”, la figura professionale innovativa in grado di lavorare al fianco delle società sportive per promuovere l’inclusione e contrastare le discriminazioni di genere nel calcio dilettantistico giovanile.

 

Referente: Luca Orsini (l.orsini@unilink.it)